#StopCETA #NonTratto: il 22 febbraio fai pressione sui candidati

stopceta tweetstormPer sollecitare tutti i candidati a fare la loro parte per un commercio più giusto, rispettoso dei diritti e dell’ambiente, lanciamo una campagna social giovedì 22 febbraio alle 12.

In poco più di una settimana già oltre 350 candidati hanno inviato la loro adesione alla campagna #NoCETA #NonTratto, promossa da Stop TTIP Italia insieme ad Arci, Arcs, Ari, Assobotteghe, Attac, CGIL, Fairwatch, Greenpeace, Legambiente, Movimento Consumatori, Navdanya International, Slowfood, Terra! e Transform. Un risultato importante, ma ancora soltanto un primo passo verso la costituzione dell’intergruppo parlamentare che nella prossima legislatura dovrà fermare l’approvazione del CETA.

Partecipa e diffondi! Puoi utilizzare le bozze di tweet o di post per facebook che trovi qui sotto, taggando i candidati che conosci o che vuoi sensibilizzare, tra cui:

Laura Boldrini – @lauraboldrini – https://www.facebook.com/Laura-Boldrini-325228170920721/
Paolo Gentiloni – @PaoloGentiloni – https://www.facebook.com/paologentiloni/?ref=br_rs
Matteo Renzi – @MatteoRenzi – https://www.facebook.com/matteorenziufficiale/
Vittorio Sgarbi – @VittorioSgarbi – https://www.facebook.com/SgarbiVittorio/
Stefano Parisi – @s_parisi – https://www.facebook.com/StefanoParisiPaginaUfficiale/
Silvio Berlusconi – @berlusconi – https://www.facebook.com/SilvioBerlusconi/
Raffaele Fitto – @RaffaeleFitto – https://www.facebook.com/fittoraffaele/
Giorgia Meloni – @GiorgiaMeloni -https://www.facebook.com/giorgiameloni.paginaufficiale/
Matteo Salvini – @matteosalvini – https://www.facebook.com/matteo.salvini1
Beatrice Lorenzin – @BeaLorenzin – https://www.facebook.com/BeatriceLorenzin/
Pietro Grasso – @PietroGrasso – https://www.facebook.com/PietroGrasso/

#StopCETA: oltre 350 candidati alle prossime #elezioni hanno già aderito alla campagna #NoCETA #NonTratto! Ecco come fare! http://bit.ly/2BG2Chc

La campagna #StopTTIP #StopCETA chiede a tutti i candidati alle #elezioni di sottoscrivere 10 punti per un commercio giusto! In 350 hanno già risposto #NoCETA #NonTratto http://bit.ly/2BG2Chc

Nel commercio che vogliamo non ci sono #OGM e #pesticidi! Chiediamo ai candidati di sottoscrivere il decalogo #NoCETA #NonTratto! http://bit.ly/2BG2Chc

Vogliamo i servizi pubblici fuori dagli accordi commerciali! Per questo chiediamo ai candidati di impegnarsi a sostenere la campagna #NoCETA #NonTratto! http://bit.ly/2BG2Chc

Niente accordi al ribasso sui diritti del #lavoro! Mandiamo in Parlamento chi sostiene la campagna #NoCETA #NonTratto! http://bit.ly/2BG2Chc

No agli accordi tossici sulla pelle degli agricoltori: chiediamo a tutti i candidati di schierarsi con la campagna #NoCETA #NonTratto! http://bit.ly/2BG2Chc

Annunci

StopTTIP Italia lancia la nuova campagna #NoCETA #NonTratto

no ceta non tratto

Il coordinamento Stop TTIP / Stop CETA si incontra a Milano il 10 febbraio e lancia un appello ai candidati alle elezioni politiche: #NoCETA o non vi votiamo. Obiettivo: bloccare la ratifica del CETA e cambiare l’agenda commerciale europea

Bloccare definitivamente in Italia la ratifica del CETA, l’accordo di liberalizzazione commerciale Unione Europea – Canada, come segnale inequivocabile in vista delle europee 2019: basta liberalizzare il commercio a scapito dei diritti, in Italia e in Europa. È l’obiettivo della campagna di pressione #NoCeta #NonTratto, lanciata dalla piattaforma italiana Stop TTIP / Stop Ceta in collaborazione con Arci, Arcs, Ari, Assobotteghe, Attac, CGIL, Fairwatch, Greenpeace, Legambiente, Movimento Consumatori, Navdanya International, Slowfood, Terra! e Transform e indirizzata ai candidati alle elezioni nazionali del prossimo 4 marzo. Leggi il resto di questa voce

10 febbraio: assembla nazionale #StopTTIP #StopCETA

IL 2018 INIZIA CON IL BOTTO!
ASSEMBLEA NAZIONALE DELLA CAMPAGNA STOP TTIP IL 10 FEBBRAIO A MILANO

Lo scorso anno abbiamo compiuto un’impresa: abbiamo fermato la ratifica del #CETA al Senato. Adesso siamo pronti al contrattacco, con una nuova campagna di pressione sul prossimo Parlamento.

Organizziamola insieme il prossimo 10 febbraio a #Milano: vi aspettiamo!

Assemblea Milano 2018

Mentre la Wto collassa il Canada si allea con Trump contro il principio di precauzione

La Conferenza ministeriale della Organizzazione mondiale del commercio, convocata a Buenos Aires fino al 13 dicembre, sembra a un passo dal collasso, e il Canada non perde tempo: si allea con Trump per attaccare il principio di precauzione. Leggi il resto di questa voce

Il Senato torna all’assalto del CETA. Fermiamoli!

Stop CETA

Come avevamo paventato, governo e maggioranza hanno intenzione di tornare alla carica con un ultimo blitz al Senato, per ottenere la ratifica del CETA. L’accordo UE-Canada, finora respinto dalla Campagna Stop TTIP Italia insieme a Coldiretti, CGIL, Greenpeace, Legambiente e più di 200 organizzazioni della società civile,  deve essere bloccato anche questa volta con l’aiuto di tutti. Le pressioni dei cittadini, mobilitati ormai da anni contro TTIP e CETA, hanno contribuito a ribaltare il dibattito nazionale ed europeo sui trattati di libero scambio, sollevando un’ondata di proteste che hanno di fatto rallentato la corsa di governi e istituzioni comunitarie.

Leggi il resto di questa voce

La Campagna #StopTTIP #StopCETA fa tappa al G7 Agricoltura di Bergamo

Tutt* a Bergamo il 14 e 15 ottobre: terra, territorio e cibo prima del commercio

Leggi il resto di questa voce

Buone notizie: il CETA slitta ancora al Senato e nasce l’intergruppo parlamentare No CETA

La mobilitazione di questi giorni ha funzionato: ha portato, infatti, all’ennesimo slittamento della ratifica del CETA al Senato che non approda oggi in aula. Il trattato Ue-Canada esce dunque dai radar di Palazzo Madama, ma resta aperta una possibilità: che dopo l’approvazione della legge di stabilità venga riproposto nell’estremo tentativo di farlo passare prima delle elezioni. Per questo dobbiamo continuare a premere sui senatori, come fatto in questi giorni, per fermarlo definitivamente. In fondo alla pagina tutte le istruzioni per continuare a tenere alta l’attenzione su questi tema nelle prossime settimane, ed evitare che il CETA rientri in agenda di soppiatto all’ultimo minuto.
Alcuni parlamentari, inoltre, hanno già ascoltato le nostre ragioni e, per promuovere una più ampia discussione nel Paese sul tema e ragionare sull’opportunità di strumenti commerciali come il CETA per il bene del Paese, hanno costruito un intergruppo parlamentare #NoCETA, che supera già i 50 appresentanti di tutti gli schieramenti. Chiediamo, con le nostre lettere, a chi ancora non ne fa parte di aderire al più presto all’intergruppo. Fermare la ratifica del CETA deve essere una priorità di tutti i deputati e senatori che hanno a cuore l’interesse pubblico, oltre che il proprio elettorato.
In questa pagina (https://stop-ttip-italia.net/intergruppo-parlamentare-no-ceta/) del sito pubblicheremo l’aggiornamento dei nomi (che crediamo aumenteranno fin dalle prossime ore) e tutte le loro iniziative.

Leggi il resto di questa voce

Una al giorno… anche Bologna è #StopCETA

Bologna bello

Leggi il resto di questa voce

Roma, capitale d’Italia, è #StopCETA

21.09.2017_stopceta_roma2.jpg

Nel giorno in cui in Europa il CETA entra in vigore in applicazione provvisoria, dall’Italia parte un importante segnale di riscossa. Roma, Capitale d’Italia, è stata dichiarata #StopCETA  con un solo voto contrario (Pd) da una mozione multipartisan. Un grazie particolare a Stefano Fassina (Si), Francesco Figliomeni (Fdi) e alla presidente della Commissione capitolina Affari internazionali Carola Penna (M5S) per aver elaborato e presentato la mozione. Di seguito un articolo che racconta com’è andata. Leggi il resto di questa voce

Dal 21 Settembre in tutta Europa è “Allarme CETA”: fermiamolo insieme!

Il 21 Settembre il CETA, salvo problemi dell’ultim’ora, l’accordo di liberalizzazione tra Canada e Europa, entrerà in vigore in modalità provvisoria, abbattendo quindi dazi e dogane tra Canada e Europa, e mettendo in piedi le commissioni bilaterali in cui cercheranno di mettere mano, per puro amore di commercio, agli standard in vigore sulla sicurezza alimentare, sull’ambiente, sulla sicurezza dei prodotti, sul lavoro, solo per citare alcuni temi scottanti.

Possiamo ancora fermarlo insieme, però, e riaprire in Europa una discussione più seria su che cosa vuol dire affidare agli interessi dei pochi che guadagnano con un trattato commerciale come questo, il destino e i diritti di tutti noi. Basta che un solo Paese ne blocchi la ratifica. Con l’impegno di tutti noi l’Italia può essere quel Paese.  Leggi il resto di questa voce

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: