Archivi Blog

Domani al via le audizioni #StopCETA in Senato. Coldiretti, Cgil, ambientalisti e consumatori scrivono a tutti i parlamentari: fermate la ratifica

Red Stamp - Stop CETAUna Lettera_ ai Parlamentari italiani per chiedere loro di fermare la ratifica del CETA  e di esaminare bene gli impatti del trattato e dire “no” a ragion veduta, senza forzare la volontà parlamentare.

Un libro bianco nel quale si chiarisce che un commercio davvero libero e giusto per tutti non si raggiunge con il CETA, ma con un ragionamento approfondito sulle vocazioni produttive del nostro Paese che premi e valorizzi la qualità, i territori, i diritti, il lavoro, la salute, l’ambiente. Sono gli strumenti di informazione e pressione che un ampio cartello di organizzazioni che comprende Coldiretti, Cgil, Arci, Acli Terra, Greenpeace, Legambiente, Slow food, Adusbef, Federconsumatori, Movimento consumatori e Fairwatch porterà nelle audizioni che cominceranno domani al Senato all’interno del processo di ratifica del CETA in quel ramo del Parlamento.

In contemporanea si svolgerà domani martedì 20 giugno il tweetstorm per sostenere il “no” al CETA. Tutte le istruzioni necessarie qui  E da domani, se non lo hai già fatto, adotta anche tu un senatore Leggi il resto di questa voce

Scriviamo al Presidente Mattarella: non cada nella rete del TTIP

Mattarella ObamaIl presidente degli Stati Uniti Obama ha incontrato ieri (8 febbraio) il presidente Sergio Mattarella, e non ha mancato di sottolineare quanto sarebbe felice se l’Italia spingesse ancora più forte per l’approvazione del TTIP. Leggi il resto di questa voce

#TiSA: Lettera a membri commissione INTA

tiziana.beghin@europarl.europa.eu
david.borrelli@europarl.eu.it

salvatore.cicu@europarl.europa.eu
eleonora.forenza@europarl.europa.eu
alessia.mosca@europarl.europa.eu
matteo.salvini@europarl.europa.eu
goffredo.bettini@europarl.europa.eu
fabio.castaldo@europarl.europa.eu
nicola.danti@europarl.europa.eu

 

tisa-ttip-tpp-leaks

Egregi Membri del comitato INTA,
questa sera parteciperete ad un importante voto sul negoziato TiSA, e la società civile starà a vigilare.
Sebbene i negoziati del Trade in Services Agreement (TiSA) non stiano ricevendo la stessa attenzione del TTIP, ci sono simili e ulteriori motivi di preoccupazione nella prospettiva degli interessi pubblici e della società civile. A differenza del TTIP, la EC ha concesso molta meno trasparenza riguardo alle proposte UE ed alle sue posizioni nei negoziati TiSA.
Tuttavia, Wikileaks ha fornito una visione dei testi, dando così visibilità a molti problemi.
Pertanto, abbiamo serie riserve riguardo alla direzione delle attuali negoziazioni, e sui presunti potenziali benefici.

Oggi, 18 gennaio, vi esortiamo a votare un rapporto sul TiSA che dia un chiaro segnale ai negoziatori della Commissione Europea ed agli stati membri dell’UE del fatto che alcuni importanti principi non possono essere oggetto di negoziazione.

Vi esortiamo a supportare gli emendamenti che chiedono:

* La protezione del pieno diritto di regolamentare, e la protezione degli interessi pubblici e dei servizi pubblici.
– cfr. emendamenti 7, 12, 14, 27, 56, 57, 58 e 59, e l’emendamento 522
– l’emendamento 27 ancora non previene il rischio di vincolare alcuni settori dei servizi ad una liberalizzazione senza ritorno

* Il prevalere dei diritti fondamentali sul libero scambio. Ad esempio, standard, convenzioni e leggi su lavoro e società dovrebbero sempre essere applicate e migliorate, l’implementazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dovrebbero essere prioritizzati, e privacy e diritti digitali dell’EU dovrebbero prevalere sulle norme per commercio e investimenti.
– cfr. emendamenti 15, 21, 34, 36, 38, 41

* La protezione della riforma del settore finanziario, inclusa la possibilità di bandire prodotti finanziari rischiosi e speculativi.
–  cfr. emendamenti 48 e 49

* Trasparenza e obbligo di rendere conto dei negoziati sul TiSA, tra le altre cose per dare accesso al pubblico di tutti i testi del negoziato, durante il processo di negoziazione.
–  cfr. emendamenti 23, 65, 66, 67, 69 ed emendamenti  571, 576, 577

Ci rammarichiamo dei principi di apertura aggressiva dei mercati inclusi in molti degli emendamenti, e vi esortiamo ad opporvi agli emendamenti 29, 44, 50 e 62.

Confidando che servirete il pubblico interesse,

Campagna Stop TTIP Italia

#Cecilia, dov’è la sala di lettura? Mailbombardiamola, è Natale!

Blitz del M5S alla Farnesina: la sala di lettura dove i parlamentari nazionali avrebbero dovuto poter accedere alla lettura dei testi del TTIP non c’è ancora. Eppure, nell’audizione in Parlamento del 26 novembre scorso, la commissario europea al Commercio Cecilia Malmstrom, che qui  vedete in versione “morte nera” (il tweet è stato pubblicato da lei stessa) aveva assicurato che entro due settimane in ogni ministero degli Esteri di ogni Paese dell’Unione europea sarebbe stata allestita una sala di lettura con una copia del TTIP a disposizione.  Siamo al 23 Dicembre e non ce n’è traccia.Nairobi Malmstrom

Mailbombardiamola d’affetto, è Natale!

Aprendo questo link trovate il video del blitz e un format da riempire per unirsi al bombardamento di email rivolto alla Malmstrom per chiederle che fine ha fatto la sala di lettura

Leggi il resto di questa voce

L’annullamento del dibattito sul #TTIP. Chi ha votato cosa.

strasburgoChi ha scelto di non discutere sul TTIP oggi in Aula (in neretto i volti noti)

ALDE: Auštrevičius, van Baalen, Bearder, Becerra Basterrechea, Bilbao Barandica, Calvet Chambon, Charanzova, De Backer,Deprez, de Sarnez, Diaconu, Dlabajova, Faria, Federley, Gerbrandy, Goulard, Harkin, Huitema, Hyusmenova, in ‘t Veld,Jaatteenmaki, Jakovčić, Ježek, Kallas, Kyuchyuk, Meissner, Michel, van Miltenburg, Mlinar, Muller, Nicolai, van Nieuwenhuizen, Pagazaurtundua Ruiz, Petersen, Radoš, Ries, Rohde, Schaake, Telička, Theurer, Toom, Tornas, Vautmans, Vayrynen, Verhofstadt

ECR: Belder, Demesmaeker, Duncan, Ford, Fox, Gericke, Henkel, Kamall, Lewer, Loones, McClarkin, McIntyre, Nicholson, OŜog, Ruohonen-Lerner, Škripek, Starbatty, Stevens, von Storch, Swinburne, Tannock, Tošenovsky, Van Bossuyt, Van Orden, Zahradil, Zīle

PPE: Adaktusson, Arimont, Bach, Balz, Becker, Belet, Bogovič, Brok, Buda, Buzek, van de Camp, Caspary, del Castillo Vera, Comodini Cachia, Corazza Bildt, Csaky, Delahaye, Des, Diaz de Mera Garcia Consuegra, Ehler, Fisas Ayxela, Fjellner, Gahler, Gal, Gardini, Gonzalez Pons, Grossetete, Grzyb, Hetman, Hohlmeier, Hokmark, Holvenyi, Hubner, Jahr, Kalniete, Karas, Kelam, Kelly, Kosa, Kostinger, Kovatchev, Kozłowska-Rajewicz, Kudrycka, de Lange, Langen, Lavrilleux, Lenaers, Lins, McAllister, McGuinness, Mann, Matera, Mato, Metsola, Mikolašik, Millan Mon, Morin-Chartier, Muresan, Nagy, Niebler, Olbrycht, Pabriks, Patriciello, Paunova, Peterle, Pitera, Plenković, Ponga, Proust, Quisthoudt-Rowohl, Radev, Rangel, Reul, Ribeiro, Rolin, Ruas, Rubig, Salini, Schmidt, Schreijer-Pierik, Schulze, Schwab, Siekierski, Sogor, Šojdrova, Štětina, Stier, Šulin, Svoboda, Szajer, Thun und Hohenstein, Tomc, Vandenkendelaere, Voss, Wałęsa, Weber Manfred, Wenta, Zaborska, Zalba Bidegain, Zeller, Zwiefka

S&D: Bresso, De Castro, Grapini, Guteland, Kofod, Kyrkos, Ludvigsson, Maňka, Moisă, Schaldemose, Zanonato


Chi voleva, invece, almeno discuterne

ALDE: Marinho e Pinto, Tremosa i Balcells

ECR: van Dalen, Pretzell

EFDD: Affronte, Agea, Agnew, Aker, Arnott, Atkinson, Beghin, Bours, Carver, Castaldo, Coburn, Collins, Corrao, D’Amato, (The Earl of) Dartmouth, Etheridge, Evi, Farage, Ferrara, Finch, Helmer, Hookem, James, Lundgren, Nuttall, O’Flynn, Pedicini, Reid, Seymour, Tamburrano, Valli, Woolfe, Zanni, Zullo

GUE/NGL: Albiol Guzman, Anderson Martina, Bjork, Boylan, Carthy, Couso Permuy, De Masi, Eck, Ernst, Ferreira Joao, Flanagan, Forenza, Glezos, Gonzalez Penas, Handel, Juaristi Abaunz, Kari, Konečna, Kuneva, Le Hyaric, Lopez Bermejo, Losing, Maštalka, Matias, Melenchon, Michels, Mineur, Ni Riada, Omarjee, Sanchez Caldentey, Scholz, Senra Rodriguez, Spinelli, Sylikiotis, Torres Martinez, Urban Crespo, Vallina, Zimmer

NI: Aliot, Annemans, Balczo, Bay, Bilde, Boutonnet, Briois, Chauprade, D’Ornano, Ferrand, Goddyn, Gollnisch, de Graaff, Jalkh, Kappel, Lebreton, Le Pen Marine, Loiseau, Maeijer, Martin Dominique, Melin, Monot, Montel, Morvai, Philippot, Schaffhauser, Stuger, Troszczynski, Vilimsky

S&D: Anderson Lucy, Andrieu, Arena, Bayet, Beres, Borzan, Briano, Caputo, Cofferati, Corbett, Dalli, Dance, Dodds, Anneliese, Freund, Frunzulică, Gebhardt, Griffin, Jongerius, Kadenbach, Kaufmann, Kirton-Darling, Koster, Martin, David, Martin Edouard, Maurel, Moody, Nilsson, Pascu, Pirinski, Regner, Revault D’Allonnes Bonnefoy, Roziere, Schlein, Schuster, Simon Sion, Stihler, Szanyi, Tarabella, Thomas, Weidenholzer

Verts/ALE: Albrecht, Andersson, Auken, Buchner, Butikofer, Ceballos, Delli, Eickhout, Engstrom, Eriksson, Evans, Giegold, Harms, Hautala, Heubuch, Jadot, Joly, Keller Ska, Lambert, Lamberts, Lochbihler, Lunacek, Maragall, Reda, Reintke, Sargentini, Scott Cato, Sebastia, Šoltes, Staes, Terricabras, Trupel, Turmes, Urtasun, Vana, Ždanoka


Astenuti

ECR: Krasnodębski

NI: Papadakis Konstantinos, Zarianopoulos

PPE: Ferber

S&D: Aguilera Garcia, Ayala Sender, Blanco Lopez, Bostinaru, Costa, Danti, Fernandez, Groote, Guerrero Salom, Hedh, Krehl, Kumpula-Natri, Lange, Lauristin, Liberadzki, Lietz, Łybacka, Morgano, Mosca, Negrescu, Niedermuller, Panzeri, Pavel, Pittella, Post, Rodrigues Maria Joao, Sehnalova, Silva Pereira, Simon Peter, Toia, Ulvskog, Van Brempt, Westphal

Strasburgo: annullato confronto su #TTIP. Stop TTIP Italia “la mobilitazione continua”

Dopo che la spaccatura tra i Socialdemocratici, merito della mobilitazione della società civile, ha fatto slittare ieri il voto della Relazione Lange sul TTIP, a data da destinarsi, il dibattito sul Trattato transatlantico di stamane a Strasburgo è stato annullato tra le proteste di alcuni eurodeputati che hanno indossato le t-shirt della campagna Stop TTIP Italia (FOTO)
Gli oltre 120 emendamenti presentati tornano in Commissione Commercio Internazionale (INTA) con il tentativo di cancellarne alcuni.
Per Stop TTIP Italia, la coalizione italiana che si oppone al negoziato “l’annullamento del dibattito di stamane all’europarlamento dimostra quanto gli spazi di discussione sul TTIP siano limitati. Continueremo le mobilitazioni fino alla sospensione dei negoziati, monitorando l’operato dei nostri Europarlamentari fin dalle prossime settimane”.

Nel frattempo la Campagna Stop TTIP Italia rilancia la raccolta di firme, verso le due milioni e mezzo di adesioni e la Campagna di raccolta fondi popolare, per sostenere le attività future

strasburgoMEPsstrasburgoMeps2strasburgoMep3strasburgoMep4strasburgoMep5strasburgoMep6

TTIP: parlamento europeo diviso su ISDS, voto su relazione Lange rimandato!

Roma, 9 giugno 2015 – COMUNICATO STAMPA

parliament-voteIl voto previsto domani 10 giugno a Strasburgo sulla Relazione Lange slitta  a data da destinarsi. Lo ha deciso il presidente Schulz applicando l’articolo 175 del regolamento del Parlamento Europeo dopo essersi consultato con il presidente della Commissione Commercio Internazionale (INTA).  Il motivo? I 200 emendamenti presentati e la richiesta di voti separati e con chiamata nominale. Toccherà  probabilmente di nuovo a INTA decidere sugli emendamenti e le proposte presentate in plenaria.

Sembra evidente che nel  gruppo dei Socialisti & Democratici la questione dell’ISDS stia diventando esplosiva e che gli accordi con i Popolari non siano poi così solidi.

La mobilitazione di questi giorni di cittadini e reti di movimento, grazie ai due milioni di firme raccolte e alla pressione diretta della società civile sui Parlamentari Europei,  ha certamente giocato un ruolo fondamentale nel rafforzare queste spaccature. Dunque, le criticità sollevate durante questo periodo dalla Campagna Stop TTIP non erano vaneggiamenti privi di basi, bensì riguardavano pericoli concreti di mutamenti irreversibili dell’ordinamento democratico europeo e nazionale. La richiesta resta perciò immutata: nessun accordo è meglio di un pessimo accordo.

Adesso  è necessario aumentare il controllo democratico della societa’ civile sulla prossima riunione della Commissione Commercio Internazionale, per evitare che ancora una volta si assista all’ennesimo furto della democrazia a vantaggio dei forti interessi commerciali.

Contatti stampa:
Alberto Zoratti – 349 6766540

Per interviste:
Monica Di Sisto – 335 8426752
Elena Mazzoni – 328 1312595

TTIP: voto a Strasburgo. Stop TTIP Italia: “Tappa importante”. Direttore Onorario Commissione Europea: “TTIP presenta molti rischi”

Assalto al TTIP: decine di emendamenti, reti sociali mobilitate per il voto del 10 giugno a Strasburgo
Stop TTIP Italia: “Solo una tappa, ma importante per sviluppi di un negoziato che impatterà pesantemente su tutti i cittadini”
Direttore Onorario Commissione Europea: “TTIP presenta molti rischi”

strasburgoMancano meno di 24 ore alla votazione al Parlamento Europeo di Strasburgo della Risoluzione Lange, il documento di indirizzo dell’Europarlamento che dovrebbe rivedere le linee guida del mandato negoziale per il TTIP, il Trattato transatlantico di liberalizzazione commerciale tra Stati Uniti e Unione Europea. Più di cento emendamenti, molti dei quali decisamente orientati a rivedere nel profondo la natura del Trattato, inserendo vere e proprie “linee rosse invalicabili” al tentativo di liberalizzazione spinta e di revisione di normative e standard di qualità che favorirebbero il commercio internazionale, ma avrebbero impatti non indifferenti sull’economia europea e statunitense di piccola scala e sulle normative di tutela dei diritti, dell’ambiente e della salute.

Leggi il resto di questa voce

STOP TTIP: l’11 ottobre diciamo no in tutta Italia

 

stop TTIP

A Roma il 10 Ottobre volantinaggio di lancio della giornata. Per l’appuntamento controlla regolarmente questa pagina

Volantina anche tu: scarica e stampa volantini e flyer a questa pagina

Coinvolgi la tua amministrazione locale: chiedi che approvino una MOZIONE DI SFIDUCIA contro il TTIP.
Scarica il modello Bozza di Mozione STOP TTIP sett 14_2

A Milano l’11 Ottobre un Seminario Nazionale di STOP TTIP nell’ambito del Forum dei Popoli Asia-Europa

A Roma il 14 Ottobre presidio in occasione del seminario sul TTIP promosso dal Governo Italiano

A ROMA ASSEMBLEA NAZIONALE 8 NOVEMBRE ORE 10-18 VIA GALILEI 55 (a 200 mt dalla fermata metro MANZONI)

il volantino dell’iniziativa flyer stop ttip italia ASSEMBLEA WEB

In questa pagina l’aggiornamento in tempo reale di tutti gli eventi in programma.

Segnala la tua iniziativa o l’adesione alla campagna a questa email stopttipitalia@gmail.com

L’appello europeo alla mobilitazione;

STOP TTIP: DIFENDIAMO DIRITTI E BENI COMUNI

Società civile, sindacati, contadini associazioni e gruppi di attivisti di base di tutta Europa lanciano insieme un appello per fare dell’11 Ottobre una giornata di azione per fermare i negoziati TTIP, CETA, TISA e tutti gli altri negoziati di liberalizzazione commerciale in corso e per promuovere politiche commerciali alternative, che mettano i diritti, il governo dei popoli e l’ambiente al primo posto. Leggi il resto di questa voce

19-23 maggio: Ue e Usa di nuovo a confronto

di Monica Di Sisto, Fairwatch

L’attesa sembrava non finire mai, e invece il Ministero del Commercio con l’Estero Usa ha fatto sapere che i nuovi negoziati del trattato TTIP si terranno ad Arlington, ridente (non troppo) cittadina da 200mila anime nella Virginia. nell’imminenza delle Elezioni europee, per far crescere il consenso alle trattative in quella parte di continente che ancora adesso – a partire da Francia e Germania – resiste all’idea della necessità di ulteriori liberalizzazioni e può affondare il processo, il commissario europeo al Commercio De Gucht, che ha aperto per tre settimane una consultazione online sul sito della Commissione per rabbonire quella parte dell’opinione pubblica che lo accusa di scarsa trasparenza nel negoziato, sta affrontando una marcia forzata di incontri con imprese e istituzioni competenti. Leggi il resto di questa voce

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: