EU-Vietnam: vogliamo continuare a piangere sul riso e i diritti versati?

Oggi e domani il Parlamento Europeo si prepara a approvare un nuovo trattato-sciagura. 68 Organizzazioni europee, con la Campagna Stop TTIP/CETA Italia, gli chiedono di fermarsi

Con una dichiarazione congiunta pubblicata oggi, 68 organizzazioni di tutta Europa chiedono ai membri del Parlamento europeo di sospendere immediatamente la ratifica degli accordi di libero scambio e sugli investimenti tra l’Unione Europea e il Vietnam che andranno in votazione l’11 febbraio. Le organizzazioni spiegano che gli accordi UE-Vietnam negano le sfide urgenti che l’Europa e il Vietnam devono affrontare e che non sono compatibili con un “Green Deal” che metta gli interventi ambientali al primo posto tra le priorità condivise. Questi accordi commerciali e di investimento sono i primi ad essere sottoposti al nuovo Parlamento europeo, ma le nostre organizzazioni si chiedono: “nel 2020, possiamo ancora ratificare accordi commerciali con Paesi che non rispettano i diritti umani, ambientali e del lavoro e le libertà fondamentali” ?

Il testo della lettera in inglese e l’elenco dei firmatari link

Dichiarazione congiunta sul trattato EU-Vietnam

Le sottoscritte organizzazioni europee (1) chiedono ai membri del Parlamento europeo di non ratificare i due Accordi di libero scambio e sugli investimenti tra l’Unione europea e il Vietnam (3) che saranno sottoposti al voto in Aula nei prossimi giorni (3). Questi sono i primissimi voti di ratifica sugli accordi commerciali e di investimento nel nuovo Parlamento europeo. Sono stati negoziati dalla Commissione europea sotto precedenti mandati e firmati il 30 giugno 2019 ad Hanoi.

La Commissione europea li presenta come accordi per promuovere lo sviluppo sostenibile e garantire un elevato livello di protezione del lavoro e dell’ambiente. Ma non è vero. Gli accordi UE-Vietnam non affrontano le sfide urgenti che devono affrontare oggi l’Europa e il Vietnam: la riduzione della disuguaglianza, la promozione dello sviluppo sostenibile e la mitigazione dei cambiamenti climatici. Non sono compatibili con un “Green Deal” che metta l’azione ecologica davvero al primo posto tra le priorità condivise. Il 15 gennaio scorso il Parlamento europeo ha votato a favore di una risoluzione in cui si afferma che «tutti gli accordi commerciali e di investimento internazionali (dovrebbero) includere capitoli sullo sviluppo sostenibile forti, vincolanti e applicabili, che riguardino anche il clima e l’ambiente, che rispettino pienamente gli impegni internazionali, in particolare l’accordo di Parigi». Questo non è il caso degli accordi UE-Vietnam.

La Commissione europea ha deciso di dividere il testo dell’accordo originale in due testi distinti, uno che riguarda il commercio e uno gli investimenti. Ciò le ha permesso di evitare di sottoporre entrambe le parti [1] allo stesso processo di ratifica. La Commissione europea non vuole rischiare un possibile rifiuto della parte commerciale nell’ambito delle procedure nazionali di ratifica e desidera accelerarne l’attuazione finale. La parte commerciale di questi accordi rientra nella competenza esclusiva dell’UE e richiede la sola ratifica da parte del Parlamento europeo.

  • Secondo la Commissione europea, questi accordi eliminano il 99% dei dazi sui beni scambiati tra l’UE e il Vietnam. Queste misure non tengono conto di alcun criterio di sostenibilità o dei diritti umani.
  • L’accordo UE-Vietnam manca di una “clausola di supremazia” che garantisca che il diritto internazionale dei diritti umani, gli accordi ambientali e climatici abbiano la precedenza sulle regole di libero scambio e di investimento;
  • I capitoli sul commercio e lo sviluppo sostenibile (TSD) non riescono a promuovere gli standard condivisi ambiziosi necessari a un vero sviluppo sostenibile, né a stabilire impegni concreti per la protezione e l’applicazione degli obblighi internazionali in materia di clima, ambiente, lavoro e diritti umani. Questi capitoli non sono vincolanti e sono esclusi dal meccanismo di risoluzione delle controversie degli accordi, quindi le eventuali violazioni non saranno punibili;
  • In termini di protezione dei diritti umani, i capitoli sulla protezione della proprietà intellettuale rappresentano una minaccia immediata alla disponibilità di medicinali generici a prezzi accessibili. Inoltre, non riescono a regolare i sistemi delle sementi commerciali tenendo conto del presupposto del diritto generale al cibo e di mezzi di sussistenza dignitosi per i piccoli produttori e le comunità rurali vulnerabili o impoverite, né in Vietnam né in Europa.
  • Gli accordi non riescono a regolare adeguatamente i flussi di capitale per evitare l’esposizione all’instabilità finanziaria.
  • Gli accordi non impongono obblighi diretti, vincolanti e applicabili agli investitori stranieri nel rispetto delle pertinenti norme internazionali riconosciute in merito ai diritti umani e sociali, sul clima e su altre politiche ambientali.
  • Gli accordi non prevedono valutazioni periodiche dei propri impatti sui diritti umani, ambientali e climatici. Fondamentalmente, mancano di una “clausola di revisione” che consenta di riesaminare (parti del) l’accordo dopo che è stato ratificato e attuato, sulla base di studi di impatto regolari sullo sviluppo sostenibile e sui diritti umani.
  • Il principio di precauzione è menzionato con una formula non vincolante nell’articolo 13.11 riguardante lo sviluppo sostenibile, ma non nel capitolo relativo alle norme sanitarie e fitosanitarie. L’accordo UE-Vietnam non garantisce un’applicazione piena e completa del principio di precauzione.

La parte relativa agli investimenti degli accordi commerciali bilaterali è considerata di competenza mista e dovrà passare attraverso le relative procedure nazionali di ratifica in tutti gli Stati membri.

  • Questa parte contiene ampie protezioni per gli investimenti e definizioni molto ampie di ciò che costituisce un investitore/investimento coperto, inclusi investimenti di portafoglio, obbligazioni, avviamento e diritti di proprietà intellettuale, sotto tutela attraverso meccanismi di risoluzione delle controversie investitore-stato (ISDS).
  • Sono garantite protezioni così ampie nonostante non ci sia alcuna evidenza del fatto che esse aiutino ad attrarre gli investimenti esteri (IDE): numerosi studi indicano che la protezione degli investimenti/ISDS è raramente il fattore determinante per gli investitori quando prendono la decisione di investire. Tale protezione è estesa a tutti i livelli, anche se non tutti gli IDE contribuiscono necessariamente allo sviluppo sostenibile. Ci sono molti studi, inoltre, che hanno stabilito che oltre agli impatti positivi, gli IDE possono anche avere ricadute negative e stroncare le aziende nazionali, creare posti di lavoro precari o ridurre l’occupazione, aumentare le disparità di reddito, facilitare l’evasione e l’elusione fiscali e contribuire al degrado ambientale e all’inquinamento. Ciò dimostra che è fondamentale prevedere meccanismi e regole adeguate per sfruttare gli IDE soo ai fini di uno sviluppo sostenibile.
  • Invece di includere un’ampia clausola di negazione dai benefici per gli investimenti insostenibili, questi capitoli continuano a proteggere tutti i tipi di IDE indipendentemente dalla natura dell’investimento, dal comportamento dell’investitore o dall’impatto sociale, economico o ambientale. Ad esempio, non esiste un “capitolo sulla sostenibilità” nell’accordo di investimento UE-Vietnam;
  • Il testo della parte sugli investimenti non fornisce alcun miglioramento rispetto agli accordi precedenti ma offre invece un ulteriore passo nella direzione sbagliata: i diritti concessi agli investitori stranieri nell’accordo di investimento UE-Vietnam vanno ben oltre quelli del capitolo sugli investimenti di altri accordi (come il CETA) e alcune delle garanzie introdotte nel CETA mancano in questo testo (1)
  • Questo accordo-capestro prevede che le parti firmatarie debbano contribuire ai negoziati per l’istituzione di un tribunale multilaterale per la risoluzione delle controversie in materia di investimenti (ICS). Gli arbitrati di questa natura sono profondamente controversi e invisi all’opinione pubblica, eppure un tribunale multilaterale per gli investimenti rafforzerà ulteriormente un sistema per la risoluzione delle controversie in materia di investimenti che, già oggi, consente alle società multinazionali di esercitare un potere indebito sull’elaborazione delle politiche pubbliche. Vogliamo dare ancora più potere a quel ristrettissimo numero di aziende e investitori che dominano i mercati mondiali?
  • Più di 847.000 persone in Europa hanno firmato una petizione che invita gli eurodeputati a fermare l’espansione del sistema di risoluzione delle controversie investitore-stato (ISDS/ICS) e i Governi europei a sostenere un trattato Onu vincolante contro le violazioni dei diritti umani e ambientali perpetrate dalle multinazionali nel mondo (https://stop-ttip-italia.net/diritti-per-le-persone-regole-per-le-multinazionali/).

Siamo profondamente preoccupati per le generalizzate violazioni dei diritti umani e dei diritti dei lavoratori in Vietnam. Sebbene il Vietnam abbia recentemente ratificato la Convenzione sul diritto all’organizzazione e alla contrattazione collettiva (n. 98), non ha ancora ratificato due delle otto convenzioni fondamentali dell’OIL, la Convenzione sulla libertà di associazione (n. 87) e la Convenzione sull’abolizione del lavoro forzato (N. 105). Sebbene il Vietnam abbia annunciato che intende ratificare quest’ultimo nel 2020 e la Convenzione 87 nel 2023, non vi è alcuna garanzia che lo farà.

Nella sua risoluzione del 14 dicembre 2017 (https://eur-lex.europa.eu/legal-content/FR/TXT/PDF/?uri=CELEX:52017IP0496&from=GA), il Parlamento europeo stesso sottolinea “il deterioramento dei civili e diritti politici in Vietnam”. Controllato da un solo partito, il regime del Vietnam non offre garanzie sufficienti in termini di rispetto delle libertà civili (libertà di espressione, stampa, associazione, ecc.). La polizia e la repressione politica colpiscono in particolare i difensori dei diritti umani, gli attivisti ambientali e tutti coloro che criticano il regime. Come sottolinea Human Rights Watch, le forze di polizia ricorrono alla tortura mentre il potere giudiziario è crudelmente privo di indipendenza. I contadini vengono spesso derubati della loro terra e i lavoratori vengono spesso repressi quando provano a far riconoscere i loro diritti. Pertanto, Human Rights Watch (https://www.hrw.org/news/2019/01/10/eu-postpone-vote-vietnam-free-trade-agreement) ha invitato il Parlamento europeo a rinviare la ratifica dell’UE -Accordo Vietnam.

La ratifica di accordi commerciali e di investimento in situazioni come questa è contraria ai principi fondamentali dell’UE. Nel 2020, possiamo ancora ratificare gli accordi commerciali con Paesi che non rispettano i diritti fondamentali dell’uomo e del lavoro e che non rispettano le libertà fondamentali? Mentre la Commissione promette un “Green Deal”, come può il Parlamento europeo ratificare altri accordi commerciali che contribuiscano all’aggravamento della globalizzazione degli scambi e all’aumento delle emissioni di gas a effetto serra?

VOTATE NO ALLA RATIFICA DEI DUE ACCORDI EU-VIETNAM

Note

(1) Oltre a questa iniziativa congiunta, numerose ONG vietnamite e internazionali hanno già chiesto al Parlamento europeo di rinviare degli accordi UE-Vietnam: https://www.hrw.org/news/2019/11/04/joint-ngo-letter-eu-vietnam-free-trade-agreement

(2) Il testo completo dell’accordo è disponibile qui: http://trade.ec.europa.eu/doclib/press/index.cfm?id=1437

(3) Ad esempio, l’art. 2.5.6 del testo del Vietnam, che manca nel CETA, crea una nuova scappatoia legale che amplia in modo significativo la possibilità per gli investitori di presentare richieste di arbitrato: allo stesso modo, la portata dell’articolo 2.5.4 nel testo del Vietnam è più ampia dello stesso articolo nel CETA (Art. 8.10.4). Alcune delle garanzie – anch’esse labili -introdotte nel testo del CETA, come l’articolo 8.10.7, mancano del tutto nel proposto accordo di investimento con il Vietnam

Pubblicato il 10 Febbraio 2020 su Blog. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: