Clima, ambiente e TTIP. L’ultimo report di Fairwatch e della Campagna Stop TTIP Italia

Tanto rumore per nulla. Con  queste  poche  parole  si  può  riassumere  la  posizione  recentemente  espressa  dalla  Commissione Europea su TTIP e ambiente, diritti del lavoro e sostenibilità come riassunta nel capitolo negoziale sullo Sviluppo sostenibile.
Aldilà della retorica profusa dalla Commissaria al Commercio Cecilia Malmstrom nel presentare il testo, una sua  analisi e un excursus degli ultimi trattati di libero scambio conclusi dall’Unione Europea con Paesi terzi, mostrano come le questioni collegate ai diritti del lavoro e dell’ambiente siano costantemente messe in secondo piano rispetto alle esigenze degli investitori e dei mercati e come le normative e i principi del libero mercato abbiano sempre e comunque la precedenza sulla tutela ambientale e del diritto del lavoro.
In esso, infatti, sono contenuti molti concetti, molti  desiderata,  diversi verbi declinati alla prima voce plurale del tempo futuro,   ma  non si prevede  nessun meccanismo vincolante che imponga ai Paesi di tenere in seria considerazione lo sviluppo sostenibile non solo come mantra, ma anche come necessità per il Pianeta di oggi e per quello delle generazioni che verranno.
La COP21, la Conferenza delle Parti sul clima che si tiene a Parigi nel dicembre 2015, sta ponendo una serie di questioni non più ignorabili, a cominciare dall’inadeguatezza degli impegni (volontari) presi dai Paesi  firmatari  della  Convenzione  ONU  (UNFCCC)  che  se  confermati  non  impedirebbero  alla temperatura media globale di superare i 2°C di aumento rispetto alla temperatura dell’era preindustriale (le attuali stime parlano di un possibile aumento di 3.5°C). Uno scenario che porterebbe a modifiche profonde negli ecosistemi, nella capacità di resilienza dei territori e, conseguentemente, delle comunità che li abitano (e delle loro economie).
La lotta al cambiamento climatico presuppone strategie concrete, normative applicabili, un ribaltamento del senso comune secondo cui la liberalizzazione del  commercio e il primato dei mercati porteranno certamente a un aumento del benessere per tutti e a una maggiore tutela ambientale. Anche perché i dati di realtà, e molti studi, stanno dimostrando il contrario.
Ma  la  Commissione  Europea  all’interno  dei  suoi  negoziati  di  liberalizzazione  commerciale,  sembra
ignorare colpevolmente tutto questo. E sperare, convintamente, che lo facciamo anche noi.

Per scaricare il report: https://stopttipitalia.files.wordpress.com/2014/02/cop21-e-ttip-fairwatch.pdf

cop21-paris

Annunci

Pubblicato il 13 novembre 2015 su Blog. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: