7/8 luglio, TTIP all’Europarlamento: compromesso sull’arbitrato? C’è chi dice No

No all’arbitrato internazionale, no all’emendamento di compromesso sull’ISDS. E’ questo il senso dell’appello, lanciato da poche ore dagli europarlamentari italiani Eleonora Forenza, a nome del GUE, Tiziana Beghin, a nome del Movimento 5 Stelle e Sergio Cofferati, a nome di un gruppo sempre più ampio di parlamentari S&D, in vista della prossima votazione all’Europarlamento della Relazione Lange sul TTIP, risoluzione che dovrebbe imporre linee rosse e invalicabili al negoziato sul trattato transatlantico portato avanti dalla Commissione europea.
Il testo di compromesso sull’ISDS, raggiunto tra il gruppo dei Socialdemocratici europei e il Partito Popolare, non risolve il problema alla radice. Un paragrafo troppo ampio che, se pure prova a cambiare alcuni aspetti procedurali, non modifica le norme di riferimento a cui si ispira e che danno priorità alla tutela di investitori e mercati sul diritto di regolamentazione degli Stati, né esclude categoricamente un meccanismo che di fatto rende gli investitori soggetti “più uguali degli altri”, inserendo clausole vincolanti che confermerebbero il primato delle regole del mercato su alcuni temi come quelli ambientali.
Gli europaramentari italiani sottolineano come la proposta di riforma non sia “sufficiente a soddisfare i criteri di indipendenza, imparzialità, trasparenza, sussidiarietà ed equilibrio  che dovrebbe  avere  un  meccanismo  di  questo  tipo,  perché  non supportata  da  un  linguaggio chiaro  e  da  specifiche red  lines negoziali”.
Allo stesso modo viene rimandata al mittente la  proposta  di compromesso  formulata  dal Presidente Schulz in quanto: “non risolve  il  problema  perché nel voler  superare  il  meccanismo ISDS  attuale, legittima la presenza di tribunali arbitrali e la presenza di un interesse degli investitori da difendere contro le decisioni prese dagli stati nell’interesse pubblico”.
Una posizione condivisa anche dalla Confederazione Europea dei Sindacati (ETUC).
“La proposta di compromesso sull’ISDS” dichiara Monica Di Sisto, tra i portavoce della Campagna Stop TTIP Italia, “è un ulteriore tentativo di mescolare le carte […]

Continua su https://stop-ttip-italia.net/78-luglio-ttip-alleuroparlamento-compromesso-sullarbitrato-ce-chi-dice-no/

Annunci

Pubblicato il 3 luglio 2015 su Blog. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: