TTIP. Testi pubblicati? Il solito gioco delle tre carte

La pubblicazione di alcuni testi relativi al negoziato, salutata dalla Commissione europea come una scelta di trasparenza, è un gioco già visto: si tratta di carte scarsamente rilevanti, che non dicono nulla sui punti di caduta del negoziato, ma che confermano le preoccupazioni e le denunce della società civile europea e della Campagna Stop TTIP Italia

Otto testi relativi al negoziato sul TTIP pubblicati sul sito della Commissione europea: ecco come Bruxelles risponde alle preoccupazioni e alle denunce della società civile arrivate sul tavolo dell’Ombudsman, l’organismo di vigilanza sulle istituzioni dell’Ue, dopo aver negato per mesi l’esistenza di un “problema trasparenza” nel negoziato sul Trattato Transatlantico  vantandosi di aver reso accessibili, «per la prima volta nella storia», le «specifiche proposte di legge» mentre i colloqui sono ancora in corso.

Una sbandierata “svolta” che avviene però poche ore dopo l’ennesimo richiamo ufficiale dell’Ombudsman Emily O’Reilly, che ha sottolineato come «la resistenza statunitense alla pubblicazione di alcuni documenti sul TTIP»  non sia di per sé sufficiente «ad evitarne la diffusione presso l’opinione pubblica europea. La Commissione deve garantire in ogni momento che le eccezioni al diritto fondamentale dei cittadini europei adavere accesso ai documenti siano fondate e pienamente giustificate».
Condizioni che non sussistono ancora. Una “svolta” considerata quindi dalla Campagna Stop TTIP Italia insufficiente rispetto alla decina di richieste avanzate dall’autorità, tra le quali l’effettiva consultazione di eletti e cittadinanza organizzata nell’avanzamento e nelle decisioni assunte nell’ambito del negoziato.
ttip66
L’indagine dell’Ombudsman sulla trasparenza dei negoziati, iniziata nel luglio 2014, è stata innescata  dalle denunce della società civile e dei movimenti sociali per la mancata divulgazione di documenti fondamentali, dati in mano solo a pochi “portatori d’interesse”privilegiati. Mettere l’accento sulla maggiore trasparenza grazie a questa divulgazione, come fa il commissario al Commercio Cecilia Malmström, significa ammetterne la mancanza fino a questo momento.
Un punto a favore della campagna Stop-TTIP, che ha contestato dall’inizio il silenzio assordante sui colloqui per il trattato. E che, dopo l’ “operazione trasparenza” vede confermate tutte le sue preoccupazioni rispetto al  trattato Usa-Ue.
Va specificato che la pubblicazione riguarda alcuni testi di posizionamento che spiegano l’approccio dell’Ue ai temi in discussione, e un pugno di nuovi testi legali, che saranno dal 2 febbraio prossimo sul tavolo del nuovo ciclo di negoziati Usa-Ue che si terrà a Bruxelles, e che confermano tutti gli allarmi lanciati dalla Campagna.

•    La subordinazione delle misure di prevenzione, sicurezza e controllo sanitario e fitosanitario sui cibi, i prodotti dell’agricoltura e simili alle regole di un commercio da rendere sempre più facile. Un approccio che dà la prevalenza delle regole dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (Wto) su quelle del Codex Alimentarius negoziato in ambito Fao, per molti esperti è già debole e troppo condizionato dagli interessi delle imprese;
•    Totale secretazione delle reciproche contestazioni sui sussidi considerati distorsivi, informazioni che le due parti dovrebbero notificare alla Wto perché essa le possa pubblicare, e che da qualche anno casualmente non aggiornano;
•    Le etichettature obbligatorie, nate per dare più informazioni e garanzie ai consumatori, dovranno essere limitate il più possibile per evitare che diventino ostacoli al libero mercato;
•    Nonostante tutte le chiacchiere sulla protezione dei prodotti tipici e del “Made in”, i testi sulle barriere commerciali, sul tessile e sulle Indicazioni geografiche (IGs) ne prevedono la semplificazione e l’omologazione. Addio ai controlli su tutte le fasi della filiera, addio al “Made in” dalla materia prima al prodotto finito che l’Europa sembrava voler sostenere. Nel cibo stesso, tutta la retorica profusa dal Semestre di presidenza italiana dell’Unione sembra si concretizzerà in una misera lista di Indicazioni geografiche protette, concordata con gli Usa, rispetto alla quale si aprirà una guerra tra Paesi e territori, e tra consorzi più e meno forti, senza esclusione di colpi. Altro che standardizzazione al rialzo
•    Solo quattro  pagine  dedicate alle piccole e medie imprese, da Governo italiano e Commissione europea acclamate come le vincitrici del TTIP ma che al momento guadagnano la conferma di vecchi impegni mai mantenuti e alcuni link istituzionali con una dettagliata spiegazione  di che cos’è il TTIP L’annunciata riduzione di tutti i controlli alle dogane, vissuti esclusivamente come “barriera al commercio” e mai come misura di sicurezza a volte necessaria tra sistemi di controlli interni tanto diversi.
•    Il capitolo sullo sviluppo sostenibile diventa un elenco di buone intenzioni e di buoni auspici, ma senza alcun approccio vincolante. Sono immaginati gruppi di esperti e un Advisory group sul tema, ma solo con ruolo consultivo, evidenziando ancora una volta la precedenza delle regole commerciali sulla questione della sostenibilità ambientale e sociale.

Lo stesso Parlamento europeo sta cominciando a dare i primi segnali ufficiali di preoccupazione: la Commissione Sviluppo (Deve) e quella sulle libertà civili (Libe) hanno appena pubblicato le proprie proposte di parere sul negoziato TTIP (entrambi i documenti disponibili su https://stop-ttip-italia.net/documenti/ alla voce “Draft opinion”) dove si sottolineano le contraddizioni di un negoziato con molte ombre. Mentre la Commissione Sviluppo si dice preoccupata che “il TTIP e altri mega accordi commerciali vadano a ridisegnare le regole del commercio globale e a fissare nuovi standard, e siano al contempo discriminatori, visto che escludono almeno 130 altri Paesi dal negoziato e rischiano di sottostimare temi importanti per i Paesi in via di sviluppo come la sicurezza alimentare, i sussidi agricoli e la mitigazione dei cambiamenti climatici”; la Commissione sulle Libertà Civili ricorda ai negoziatori “che le decisioni sui conflitti legali connessi a diritti fondamentali possono essere assunte solo dai competenti tribunali ordinari; è preoccupato che quanto previsto sull’arbitrato (l’Investor – State Dispute Settlement – ISDS) possa impedire l’accesso alla giustizia e danneggiare la democrazie”.

Ecco perché siamo molto cauti e critici nell’accogliere con favore l’apparente apertura della Commissione: si tratta di un gioco delle tre carte che, come insegna l’esperienza, si conclude sempre con la sconfitta dei cittadini.

La Campagna
La Campagna Stop TTIP Italia nasce a febbraio 2014, ed oggi coordina oltre 200 organizzazioni, reti, realtà e territori che si oppongono all’approvazione del Trattato di Partenariato Transatlantico su commercio e Investimenti (TTIP).

Contatti
web: www.stop-ttip-italia.net
facebook: https://www.facebook.com/StopTTIPItalia
email: stopttipitalia@gmail.com

Advertisements

Pubblicato il 10 gennaio 2015 su Blog. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: